L’Italia è in doppia cifra... nel mondo ATP – Morion L’Italia è in doppia cifra... nel mondo ATP – Morion
L’Italia è in doppia cifra... nel mondo ATP

ATP, futuro, giovani, Il Blog del tennis, Italia, Morion, ranking, tennis, Top Ten -

L’Italia è in doppia cifra... nel mondo ATP

Di Alessandro Perrone

 

Parafrasando un termine proprio del mondo cestistico, il tennis italiano è in doppia cifra.

Per la prima volta da quando esiste la classifica ATP di singolare maschile (23 agosto 1973), l’Italia ha 10 suoi atleti tra i primi 100. Un dato che certifica una crescita costante del movimento: se poi si tiene conto che due dei 10 atleti tricolori hanno 19 anni di età (Sinner e Musetti), il futuro del tennis azzurro sembra essere roseo.

Fra risultati ottenuti e attestamenti di classifica, siamo arrivati alla doppia cifra e dietro abbiamo tanti giovani promettenti che, nella stagione sulla terra battuta, si faranno certamente onore nel mondo challenger/ATP.

Conferma sulla decima poltrona per il romano Matteo Berrettini (al rientro nel circuito questa settimana, a Cagliari, in doppio con il fratello Jacopo, dopo l’infortunio patito le scorse settimane), mentre perde una posizione Fabio Fognini, ora al 18° posto.

La finale persa a Miami consente all’altoatesino Sinner di guadagnare altri otto posti e balzare al numero 23, ritoccando ancora il proprio best ranking (e se teniamo conto che ci sono solo 116 punti che lo separano dalla Top 20), mentre è stabile al 34° posto Lorenzo Sonego.

Risale un gradino Stefano Travaglia (69°), perde due posti Salvatore Caruso (87°), mentre è in continuo progresso Lorenzo Musetti (+4), che si assesta al numero 90 ritoccando pure lui il proprio best ranking.

Subito dietro si porta Gianluca Mager (91°) grazie al titolo challenger che ha conquistato a Marbella. Il ligure precede Marco Cecchinato (93°, -3).

A chiudere la classifica dei “Top Tenc’è l’anziano del gruppo Andreas Seppi, salito di un posto (96°).

Italia nel gotha del tennis ATP, alla stregua dello squadrone americano: solo Spagna e Francia comandano il mondo ATP con 11 giocatori ciascuno.

L'Italia sorride non solo per i tanti campioni in top 100, ma anche per la loro età anagrafica: Sinner e Musetti hanno 19 anni, Berrettini 24, Sonego 25, Mager 26, Caruso e Cecchinato 28, Travaglia 29. Sopra i trenta solo Fabio Fognini (33 anni) e Andreas Seppi (37).

La loro età garantisce un futuro roseo per il tennis azzurro.

Intanto ci godiamo questo momento aureo del nostro tennis: che il futuro, speriamo, sia sempre più ricco di soddisfazione per noi tifosi.

 

Al prossimo articolo da Il Blog Del Tennis!

 

 


Lascia un commento