Colin Kaepernick – Morion Colin Kaepernick – Morion
Colin Kaepernick

antirazzismo, Colin Kaepernick, football, Morion, NFL, Trump -

Colin Kaepernick

Di Valentina Anglani

 

 

 

Colin Kaepernick, è un quarterback americano di 33 anni, nato a Milwaukee, negli Stati Uniti. Tra il 28 e il 30 aprile del 2011, fu scelto durante il secondo giro del Draft NFL dalla squadra dei San Francisco 49ers. Nel suo primo anno da esordiente non giocò mai come titolare, ma solo in tre partite come riserva di Alex Smith. Solo un anno dopo segnò il suo primo touchdown nel campo dei New York Jets e la settimana seguente corse 39 yard segnando un touchdown su corsa.

In seguito ad una commozione cerebrale ci Alex Smith, giocò la sua prima partita da titolare nel Monday Night Football completando 16 passaggi su 23 per 243 yard, 2 touchdown e nessun intercetto subito, portando la sua squadra alla vittoria. Una partita così di successo fece decidere al suo allenatore di nominarlo ufficialmente titolare. Il 12 gennaio 2013, disputò la sua prima gara di playoff nel divisional round, contro i Green Bay Packers, durante la quale stabilì il nuovo record NFL di yard corse per un quarterback con 181. A fine anno ottenne l'81 posto nella classifica dei migliori 100 giocatori della stagione.

 

Dal 2016 la sua carriera di giocatore di football, si fuse con quella di attivista, durante i consueti inni nazionali che precedono ogni partita infatti, Colin poggiò un ginocchio a terra, differenziandosi dai suoi compagni che erano tutti in piedi. Dopo la terza partita i giornalisti iniziarono a incuriosirsi e a porre domande, egli dichiaró di non voler onorare un paese in cui la minoranza nera era ancora oppressa e soggetta a violenze e uccisioni da parte della stessa polizia. Il suo gesto fu imitato da molti altri atleti importanti e l'NFL reagì multando tutte le squadre i cui componenti non fossero rimasti in piedi durante l'anno; stesso presidente Trump incitò a licenziare questi giocatori colpevoli di "kneeling". Questa protesta portò l'atleta ad essere cacciato dalla squadra e non fu ingaggiato da nessun'altra, sebbene ne sia derivato un lungo processo tra Colin e la NFL, senza dubbio il suo gesto antirazziale è riuscito a mobilitare molte persone e ancora viene preso di esempio durante le rivolte in America, così come in altre parti del mondo.